domenica 10 febbraio 2008

Piccolo vocabolarietto tascabile australiano

Secondo me se andassi in libreria e cercassi un vocabolario di "Australiano-Inglese/Inglese-Australiano" o un trattato di grammatica o di linguistica sulla lingua australiana lo troverei in formato tascabile, piccolo piccolo. O quanto meno la metà di qualsiasi altro vocabolario. Questo per un semplice motivo: gli australiani accorciano le parole. Non solo sono "lazy" e rilassati nella vita di tutti i giorni, lo sono anche nel linguaggio. Non gli va proprio di sforzarzi neanche a parlare! E allora ecco che ti coniano termini nuovi, altri che assomigliano per lo più a mugugni, altri semplicemente che dimezzano le parole inglesi. Molti sono divertenti, spesso azzeccati per le situazioni, alcuni suonano buffi, informali, easy, insomma, tutti insieme formano la vera lingua parlata australiana, che spesso assomiglia più ad uno "slang" che ad una lingua vera e propria. Durante tutto questo periodo mi sono imbattuto in centinaia di queste locuzioni, molte delle quali da un orecchio mi sono entrate e dall'altro uscite. Alcune però mi sono rimaste impresse, per un motivo o per un altro, e allora mi andava di elencarle e di parlarne. Per esempio, cominciamo seguendo il corso normale di una giornata:

G'day = Si legge Gh'day, ed è l'abbreviazione di "Good day", ovvero "Buongiorno". E' il tipico saluto australiano, un po' come la nostra "Bella!" a Roma.

Hows goin' = Che sta per "How is it going?", equivalente al nostro "Come stai? / Come va?". Da notare che questa frase viene sempre posta come domanda retorica: ovvero quando ti dicono "Hey, hows goin?" , comunque tu stia, non gliene frega niente a nessuno della tua risposta, loro sono già a parlare con un'altra persona. Accade spesso anche in Italia, quando chiedi "Come stai?", è quasi una formula recitata a memoria per salutare qualcuno, e non sempre si presta attenzione alla risposta. Qui io quando rispondevo "Bene, grazie!" mi guardavano storto! Come per dire "Ma perchè mi rispondi? Non mi devi rispondere, ti sto solo chiedendo come stai!" Va be'...

Brekkie = Questa parola è molto usata e la si trova scritta su ogni lavagna di Bar e Ristoranti, a volte anche nelle offerte pubblicitarie alla Tv. E' la forma contratta, con finale vezzoso, per dire in realtà: Breakfast. "You wanna go for brekkie?". Ho anche pensato che se chiedevo "Brekkie" al bar mi davano la porzione ridotta del pasto. Fortunatamente no. Che si chieda "Brekkie" o "Breakfast" la colazione australiana è sempre deliziosamente enorme.

Ute = Questa me l'hanno detta quando ero una volta ad una riunione per ricevere un brief. Ute sta per Utility Vehicle, ovvero la macchina utilitaria di uso comune. Rimasi perplesso all'inizio, poi dissi "Well, ookie dookie mate!".

Ookie Dookie, Mate! = Allora, "Mate" è "il termine" per definire una persona, conoscente, amico o sconosciuto, a cui stai parlando. Qui non sono soliti chiamarti per il tuo nome proprio quando si conversa, ma usano sempre questo generico "Mate", che significa "Amico", ma più precisamente "Compagno". Per esempio, "G'day Mate, hows goin?" E' la tipica forma di saluto. Alle volte, dipende dalle circostanze e dal grado di conoscenza tra le due persone, al posto di Mate vengono utilizzati altri termini, come ad esempio: "Man", "Dude", "Buddy", "Bloke", "Bro" (che sta per "Brother", ma questa formula è usata soprattuto in New Zealand, non molto in Australia). Diciamo che usare "Man, Mate, Dude, Buddy, etc" è un po' come dire "Tizio , Caio e Sempronio", o per essere ancora più generici: "Fra' cazzo da Velletri".

Ookie Dookie è un non-sense il cui sense è: "Va bene, intesi, tutt'apposto". Questa è almeno l'intepretazione che gli ho dato io. Robin se stai leggendo commentami e spiegami cosa minchia significa sto "Ookie dookie". Credo che Ookie derivi da "OK", e se fosse così sarebbe l'unica parola che gli australiani allungano invece di accorciare. Dookie credo sia messo lì per fare la rima eufonica. Se non mi ricordo male qualcuno mi ha anche detto che questa è una formula per definire qualcosa che è veramente australiano. Una sorta di Trade Mark, un bollino che riconosce la genuina australianità di un concetto, termine, persona o cosa.

True Blue = Questo termine è una variante di Ookie Dookie per definire la vera natura australiana di qualcosa. Il "Vero Blu" non ha sfumature, variazioni, incertezze, varieganti, è semplicemente Vero Blu, come il Vero Australiano.

Comfy = Sto termine ogni volta mi fa ridere. E' geniale, e comodo soprattutto. Ci vuole un attimo a dirlo ed esprime subito la sensazione che provi: comodità. E' difatti la contrazione della parola: "Comfortable". Questo divano è comfy. Suona troppo naif, è troppo carina come parola, secondo me dovrebbero usarla i Puffi. "Ehi, puffetta! Il tuo fungo è veramente comfy!" - "Io oooooodio i funghi comfy!" - risponde quattrocchi.

Siggy = Siggy sta per Cigarette. "Have you got a spare siggy man?" significa "Che t'avanza na ciospa fratè?".

STRAYA = Se utilizzassimo questa forma di contrazione anche noi italiani, chiameremmo il nostro Paese "Taya". E' strano, ma non troppo, gli australiani accorciano anche il nome del proprio Paese quando parlano slang: "Straya" infatti sta per "Australia".
Altre forme di accorciamento sono "Aussie" o addirittura più breve "Ozy". Questi ultimi due vengono utilizzati in particolar modo quando ci si riferisce alla cultura e allo stile di vita australiani, o forse dovrei dire Ozyiani.

Queste sono le parole che fin qui mi son ricordato. Me ne venissero in mente o dovessi impararne altre, il piccolo vocabolario australotascabile si amplierà. Naturalmente, se qualcuno volesse intervenire e dare il suo contributo, well...you're welcome, mate!

See you later alligator, in a while crocodile.

9 commenti:

alemarty79 ha detto...

Anche in Australia ti dicono "fancy a cuppa?" quando ti offrono il the'?!!!!

Appena me ne vengono in mente altre rimpinguo la lista....

:-)))

Kerassia ha detto...

Ti devo correggere Siso, OZ senza "y".

L'AustraloSisotto ha detto...

L'altro giorno che ho presentato, me ne sono venute altre due:

ARVO = Sta per Afternoon.

PRESO = Presentation.

When's the Preso? This Arvo!!!!

cianky ha detto...

Ciao Sisooo!! Sono arrivato in Australia!!!! Sono Byron Bay dal mio amico per il momento, sto frequentando il college di inglese!!! Non ho piu avuto tempo di seguire le tue vicende, spero di poter trovare tempo appena possibile anche perche vorrei sfruttare il portatile che mi sono portato appresso!!! sto cercando una sistemazione per i prossimi giorni, almeno finche sono qui a scula... poi mi spostero nella big city!!! ti saluto che qua le lezioni sono imminenti! fatti sentire anche sulla mia mail, nel caso vorresti fare una capatina su a Byron!!!
seee ya Sisooooo
Ps: Byron e' il paradiso terrestre, una favola!!!

Francy ha detto...

ARIECCOME!Dopo un periodo non felicissimo la dirimpettaia si rifà sentire anche grazie ai post di Pina.THANKS!SISO TI ASPETTO A PERTY PER PASQUA..CIAO E IN BOCCA AL LUPO PER TUTTO!BACIONI,TVTB

Bea ha detto...

Sisoooooooooooooooooo tanti autguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!quando torni?speravo di farteli di persona!!! un baciotto tvb Bea

dirimpettaia ha detto...

Ciao Siso...stai in viaggio?Cmq non sapendo cm farti gli auguri in quanto martedì stavo a Pg,te li ho mandati da Marta...ti sono arrivati???TANTI BACI...BUON COMPLEANNO...tanto te vedo Domenica!ti vu ti bi Francy

Anonimo ha detto...

Perche non:)

bebbo ha detto...

Vorrei citare anche "barbie" perchè non puoi mica dire "bi bi chiu" per abbreviare barbecue AIHAHAHAH

spettacolo anche il "No worries", credo che la cosa che ci si avvicini di più sia "scialla" :D

E' stato un vero piacere leggerti, Ta! and take it easy buddy!