lunedì 12 novembre 2007

Come cantava giustamente Raf...


...cosa restera' di questi anni ottanta...?

...chi la scattera' la fotografia...?


Papa'. L'ha scattata papa'.

Ecco la famigliola al tempo. 1986/87.


Il Commenda e il Manzu.



L'Adriana e il Manzu.



La Pinuzza.



Il Fefotto '89.



Quel bambacione del Manzu.



Il Sisottottanta.


Secondo me, gli anni ottanta, restano insuperabili.
A partire dagli 'Europe'.
The Final Countdown
il mio primo 45 giri.
Joey Tempest il mio mito.
La jeep militare a pedali la mia auto.
Jasmine la mia donna quando interpretai il principino alla recita.
E soprattutto, potevo ancora permettermi di gridare da seduto sulla tazza: "Mamma, ho fatto....!".

Gli anni ottanta sono gli anni ottanta.

6 commenti:

Francesca ha detto...

Anche a me il sig. fefotto ha scattato bellissime fotografie e mentre sto scrivendo,alzo gli occhi e ne ammiro una alla mia destra.Un bacione dalla vostra inimitabile guanciottosa dirimpettaia.Che bei tempi...

L'AustraloSisotto ha detto...

Ho una foto di te, manu e me che e' troppo bella! Ora te la mando via mail! Bella guanciottona, ciao :)

Sylvie Malaussène ha detto...

Indovina la prima cosa che ho pensato quando ho visto la tua foto da bambino?
Chissà che ne pensava quel bimbo del mondo... sicuramente non immaginava lontanamente la scelta che avrebbe compiuto tanti anni dopo...lontano da tutto quello che per lui era 'casa'...
...quanta strada hai fatto Siso... e chissà quanta ancora ne farai!

L'AustraloSisotto ha detto...

Silviè, la tua empatia mi colpisce. E' la stessa cosa che ho pensato istantaneamente io quando ho visto quella foto. Mi sono riconosciuto. Ho rivisto Simone. Ho rivisto i miei occhi pensanti, curiosi, cercatori. Mi sono specchiato. E il bello è che dentro mi sento di nuovo così. Già, chissà quanta strada ancora c'è da fare. Ciò che mi da forza è che so di essere su quella giusta, e la sto tracciando io. Con le mie scarpine chicco. Perché voglio scoprire come è fatto il mondo. Corro nel sole. Gioco alla vita, che cresce, insieme a me. E se la sera mi fa un po' paura, trovo un amico\a, che a casa, m'accompagnera'. Ciao silviè, grazie per il commento, l'ho apprezzato molto. :)

Marta Rossi ha detto...

Gli anno Ottanta sono stati mitici. Anche se noi li abbiamo vissuti con gli occhi di un bambino. Ma che foto meravigliose...mi associo alla mia amica Silvia. Quel baby sisotto aveva già iniziato ad assaporare il mondo. Grande! Ed evviva i figlio degli anni Ottanta...

L'AustraloSisotto ha detto...

Tutti figli degli anni Ottanta! Ma quando lo ridanno in Tv "Sposero' Simon Le Bon"? Ora che e' periodo natalizio dovrebbero riproporlo...
Vedrai Marta mia che bella NY sotto Natale... Magari lo incontri pure Simon! Male che ti va vedi Clizia o Rossana... :)