giovedì 10 maggio 2007

Poemetto di mezza sera.

Titolo:

STO PIU' INCASTRATO DE ROGER RABBIT

Svolgimento:

Amico, una prece, numme soffri'.
Lo sento da qua, quello che stai a senti'.
C'ho perso pur'io le notti e li di',
e pe' ripiamme, eccome qui'.
Mo nun te dico che devi parti',
ma te parlo cor core, fatte servi'.

Se er nodo che e' dentro, te fa ammatti',
tu prendilo, menalo, fallo mori'.
Guardalo n'faccia, lo devi pati',
che e' l'unica questa la via pe' guari'.

Ma c'e' n'artra cosa, che te vojo di',
apri l'orecchio, stamme a senti'.
Er core de donna e' fatto cosi':
si e' vero che t'ama, restera' li'.
E si nun te ama, c'avra' n'artro chi.

Ma quello che conta, mio caro ami',
pensa pe te, nun te mpazzi'.
Ce vole mpo', pe torna' a gioi'.
Piagni, distruggite, fatica a dormi',
ma presto quarcuno te fara' diverti'.

Ed e' quer quarcuno, che sta proprio li',
e' l'unico essere, che te po' colpi'.
Me chiedi chi sia? Non e' chissacchi'.
Aspetta n'attimo, famme fini'.

Vivite tutti, li crucci ch'hai qui,
fa passa' j'attimi, i mesi e li di'.
Prennete er tempo, pe' poi scopri',
che er primo sei te, che te devi capi'.

Ecco ho finito, nun c'ho artro da di'.
E te manno n'abbraccio, che e' grosso cosi'.

Al piu' grande battutista de S. Giovanni.

2 commenti:

veronica ha detto...

Che ridere..Ma questo Roger Rabbit è il battutista di San Giovanni? Le donne saranno pure particolari..ma come diceva Jessica, alle volte non sono cattive, sono gli altri che le disegnano così.

Un bacio al Trilussa di stanza a Sydney

Vero

cloe ha detto...

Roma de notte è no zefiro de vento,
Roma de notte è na stella che cammina,
Roma de nottate viè sempre vicina,
Roma de notte è er fiume sonnolento!

Roma de notte, er freddo der selciato,
Roma de notte, intorno ar mausoleo,
Roma de notte, ar Colle Oppio affacciato,
avendo in fronte er vecchio Colosseo!

Roma de notte, dentro ‘nborgo antico,
Roma de notte, l’abbraccio de n’"amica",
Roma de notte nun potrà mai finì,
Roma de notte, te tornerà a stupì!

Roma de notte, me scalla sempre er core,
Roma de notte, se mostra con amore,
Roma de notte, tante scarpe rotte,
Roma de notte, tante vite corrotte!

Roma de notte, mai nun finirà,
Roma de notte qui t’aspetterà!
Roma de notte, na magica città,
Roma de notte, viella a ritrovà!